lunedì 28 gennaio 2008

LA MER*A, LA MERLA, E IL COTTON FIOC

Pensavo da tempo che i politici italiani avessero raggiunto il fondo. Avevo torto e ragione.
Hanno comprato una trivella, e stanno scavando.

Quindi ho deciso di approffittare dell'attuale confusione politica per fondare un nuovo partito; con unico punto al programma: l'abolizione del cotton fioc, quell'odioso strumento che le femmine cercano di infilare a viva forza nelle orecchie di mariti, compagni, fidanzati e figli.
Che facciano pure la legge elettorale, se lo vogliono; mettano lo sbarramento che vogliono: 5-7-9%. Io punto al 25% dei voti! (inteso il 25% dei voti in località Vignassa, dipartimento di Montelepre, comune di Torre Pellice. Siamo in 4 a votare...).
Giù le mani dalle nostre orecchie! Abbasso i cotton fioc, viva i chiodi, le viti, le chiavi!!
Il partito si autodistruggerà una volta raggiunto il suo obiettivo.


Questi dovrebbero essere i giorni della merla, i più freddi dell'anno. Ieri a pranzo c'erano 19 gradi sul balcone, oggi abbiamo acceso la stufa alle 18,30. Alla faccia della merla...


con Paolo al Moncenisio

2 commenti:

Andrea Graziano ha detto...

E' possibile votare dall'estero (Località Bianchi - Luserna san Giovanni)?
Fantastico titolo del post!
Salutoni

luca ha detto...

Strano, a me il cotton fioc piace tantissimo, anzi per me è una droga..
Invece a te le orecchie le pulisce la moglie..?
Fantastico..

Ottime foto.

Luca.